Vertical Trail Trekking a Donnas

Qui di seguito troverete un elenco delle salite più dure che il comune di Donnas offre:

OUTREFER – PIAN BOSONIN SUP.:

lunghezza 2,4 km dislivello positivo 600 m.
INDICAZIONI: dall’abitato di Outrefer seguire il sentiero contrassegnato con il n. 5, la prima parte risulta essere pianeggiante per poi prendere decisamente quota lungo una ripida scalinata. Oltrepassato il primo cancelletto la pendenza diminuisce notevolmente e seguendo una dolce mulattiera giungerete alle case di Pian Bosonin superiore.

DIFFICOLTA’

PERCORRIBILITA’: tutto l’anno

VAI al PERCORSO

COSA VEDERE


OUTREFER – CORMONEY:

lunghezza 4,2 km dislivello positivo 1200 m.
INDICAZIONI: la prima parte del percorso ricalca l’itinerario precedente. Una volta giunti alle case di Pian Bosonin superiore proseguire per il sentiero che piega verso sinistra (si abbandona il sentiero che conduce a Pourcil).

DIFFICOLTA’ 

PERCORRIBILITA’: da aprile a novembre

VAI al PERCORSO

COSA VEDERE


DONNAS – VERALE (LA COU):

lunghezza 5 km ( 6 km la Cou) dislivello positivo 900 m (1100 m la Cou).
INDICAZIONI: dalle scuole elementari proseguire lungo il torrente Belet lungo la strada asfaltata, al termine della salita girare a sinistra sul ponte per arrivare al grande masso, da qui seguire i tornanti asfaltati verso la cappella di Preles; 100 m dopo, in prossimità di un cartellone informativo seguire il sentiero che si arrampica fino a poco prima della località Albard di Donnas. Da qui seguire la strada poderale taglia-fuochi. Poco dopo il secondo tornante troverete sulla vostra sinistra il sentiero n. 6 riportante le indicazioni per Verale, una volta arrivati alla cappella del villaggio posta a quota 1200 m circa si può proseguire fino al colle di la Cou (1370 m s.l.m.).

DIFFICOLTA’ 

PERCORRIBILITA’: da aprile a novembre

VAI al PERCORSO

COSA VEDERE


MONTEY – BEC RENON:

lunghezza 4,5 km dislivello positivo 1900 m.
INDICAZIONI: dall’abitato di Montey prendere l’altavia n.2 che conduce alla villaggio di les Donnes posto a 880 m s.l.m. (volendo per accorciare il percorso si può partire da qui poiché facilmente raggiungibile in auto). Da qui prendere il sentiero n. 3 A che conduce a Montat e proseguire fino a quasi le baite di Cà Roussa, 100 metri prima di queste deviare a sinistra e prendere immediatamente il trecciolino che sale lungo la massima pendenza.
N.B. una volta abbandonato il sentiero poco prima di Cà Roussa il sentiero non è più segnalato salvo sporadici omini in pietra e nastri vedo. La parte finale su pietraia con sassi instabili richiede attenzione, quindi itinerario dedicato soltanto a persone allenate.

DIFFICOLTA’ 

PERCORRIBILITA’: da maggio a ottobre

VAI al PERCORSO

COSA VEDERE

I percorsi